È vero che per ottenere dall’Home Office il certificato di residenza permanente devo avere una assicurazione malattia privata (“comprehensive sickness insurance”)?

Sì, al momento è necessario avere una assicurazione malattia privata per ottenere il certificato di residenza permanente. Si tratta di un requisito considerato necessario solo per le persone qualificate come “self-sufficient” e per gli studenti. I lavoratori subordinati e quelli autonomi non hanno bisogno di provare di essere titolari di una comprehensive sickness insurance ai fini dell’ottenimento del certificato di residenza permanente. La richiesta di una assicurazione malattia privata è motivata dalle Autorità britanniche con l’interpretazione che esse danno alle norme UE sulla libera circolazione delle persone (Direttiva 2004/38), nel senso di ritenere non sufficiente la possibilità di accedere all’NHS (sistema sanitario nazionale). Si tratta di una interpretazione sulla quale la Commissione europea e gli altri Stati membri non concordano. Da parte britannica si è già indicata la volontà unilaterale di non richiedere più il certificato di “comprehensive sickness insurance” (CSI) ai fini dell’ottenimento del “settled status”, vale a dire del riconoscimento della residenza permanente a favore dei cittadini UE residenti in UK alla fine del periodo transitorio.

Tuttavia questo specifico punto è lasciato alla discrezionalità dell’Home Office una volta inoltrata la domanda di permanent residency o settled status e puo’ variare da caso a caso.