Massimo Ungaro nuovo Presidente del PD Londra & UK

|

Sabato 6 Dicembre 2014 il PD Londra & UK ha tenuto l’Assemblea di fine anno, per discutere delle attività del 2014, chiudere il tesseramento, fare gli auguri di Natale a tutti i suoi iscritti, e per eleggere il nuovo Presidente di circolo.

I 34 iscritti presenti hanno votato durante il pomeriggio, e con 17 preferenze Massimo Ungaro e’ stato eletto nuovo Presidente (la candidata Giulia Marsan si e’ difesa bene con 15 voti).

Massimo ha 27 anni ed e’ nato a Roma. E’ arrivato a Londra nel 2005 e si e’ laureato in Relazioni Internazionali all’LSE nel 2008, per poi conseguire un Master in Economia dello Sviluppo a Sciences-Po a Parigi. Dal 2009 si occupa di investimenti nei paesi emergenti presso una banca d’affari della city. Nel 2013 Massimo ha preso un anno sabbatico per conseguire un MPA in Economic Policy presso la Columbia University  di New York con una borsa Fulbright.

Durante l’Università, ha rilanciato e collaborato l’associazione di studenti Italiani dell’LSE, e si e’ mobilitato per la Living Wage Campaign per garantire ai lavoratori londinesi di percepire un salario minimo sufficientemente alto da poter garantire degne condizioni di vita nella capitale.
Massimo ha partecipato alla fondazione del PD Londra nel 2007 e da allora si e’ occupato di newsletter, tesseramento, e coordinamento di campagne elettorali.

Come nuovo Presidente, Massimo si impegna a dialogare con tutte le correnti del circolo, e a collaborare con il Segretario con tutta la sua passione, energia e competenza.

Del PD Massimo ha detto “Questo e’ un grande partito, chiamato a gestire uno dei momenti più critici della storia del nostro Paese. L’entusiasmo e l’iniziativa dei suoi iscritti svolgono un ruolo fondamentale. Da Londra possiamo fare moltoin due diverse direzioni. Primo, mobilitarsi per la nostra comunità di italiani di Londra (una comunità viva, mobile ed in rapida espansione). Secondo, agire da ‘germi positivi’ e trasmettere al nostro paese tutti quei valori di diritti civili, meritocrazia, trasparenza e senso civico di cui godiamo qui, e dei quali il nostro Paese ha disperatamente bisogno“.

Buon lavoro Massimo!